permalink

0

Piano ex Enel: le minoranze vincono il primo round

Prima vittoria delle minoranze consiliari (Melegnano Città Aperta, Partito Democratico e Rifondazione comunista) sul piano urbanistico ex Enel. Il piano verrà discusso in consiglio comunale il prossimo settembre e non più il 20 luglio, come volevano il sindaco, la giunta e la maggioranza di centrodestra. Il rinvio della discussione non è politico, come chiesto, ma “tecnico”: mancava un documento importante, che per legge doveva accompagnare l’intera documentazione. Non c’era il documento di Valutazione ambientale strategica (in sigla,Vas). “In commissione consiliare, il 7 luglio, avevo sollevato il problema; avevo chiesto di conoscere se il Piano era o meno assoggettato a Vas e se l’amministrazione aveva o meno avviato la procedura di non assoggettamento. La risposta in commissione era stata approsimativa e per nulla convincente. A distanza di qualche giorno, invece, la notizia del rinvio. Motivo? L’avvio della procedura, da parte della giunta, di esclusione dalla Valutazione ambientale strategica e quindi il rinvio a dopo le ferie. “Abbiamo un’amministrazione comunale che non conosce le regole, che procede per tentativi e che non è capace di gestire operazioni complesse. Un’operazione urbanistica che contestiamo. E nuovamente, chiediamo che l’Amministrazione convonchi un’assemblea pubblica nel quartiere,  si continui il lavoro in Commissione e che il progetto venga profondamente ridimensionato”.

Potrebbero interessarti anche

  1. Piano ex Enel: le minoranze danno battaglia

Lascia un commento

Required fields are marked *.