permalink

0

Parco Sud: sottratti altri 100 mila mq. di aree agricole

Ieri il Consiglio provinciale ha inflitto un nuovo colpo all’integrità e al futuro del Parco Agricolo Sud Milano. E’ stata infatti adottata una variante parziale al Piano territoriale del parco che consente l’ampliamento di un centro intermodale della società Sogemar – circa 100 mila mq – nel territorio del comune di Vignate, nell’Est milanese, compreso nel perimetro del Parco.
“Ho votato contro – afferma Pietro Mezzi, capogruppo Sinistra Ecologia Libertà in Consiglio provinciale – perché questo intervento è un altro tassello del processo di smantellamento del Parco Sud pezzo per pezzo. Dispiace che una parte dell’opposizione di centrosinistra si sia schierata a favore (tre consiglieri del Pd si sono però astenuti) avallando un’operazione dannosa sull’immediato e pericolosa in prospettiva.
Il problema non è soltanto questa nuova grave ferita inferta a Vignate – dopo quelle del Cerba di alcuni anni fa e di Rosate all’inizio dell’anno – ma il progetto che si individua dietro le quinte. La Provincia di Podestà, infatti, ha intenzione di mettere a punto una variante generale al Piano territoriale del Parco Sud che aprirebbe la possibilità di numerosi nuovi interventi che finirebbero per intaccare profondamente una delle più importanti aree protette lombarde e un raro e concreto esempio di sostenibilità ambientale.
Credo che serva una mobilitazione – conclude Pietro Mezzi – da parte di tutte le realtà politiche, sociali, dell’associazionismo, dei comitati locli per contrastare questo dissennato progetto di smantellamento del Parco. Contrastare il consumo di suolo, difendere e valorizzare l’agricoltura nella provincia milanese sono obiettivi di una battaglia che chi crede in una logica di sviluppo sostenibile non può permettersi di disertare”.

Lascia un commento

Required fields are marked *.