permalink

0

EX SARONIO MILITARE / Un servizio di Radio Colonia racconta la storia dei siti militari inquinati. Come quello di Riozzo di Cerro al Lambro

CERRO AL LAMBRO – Cristina Artoni è una giovane giornalista italiana freelance che collabora con Radio Colonia, la radio di lingua italiana della città tedesca. Tempo fa mi ha intervistato a proposito del sito militare di Riozzo di Cerro al Lambro, vicino a Melegnano; sito da anni abbandonato, di proprietà del ministero della Difesa. Ha raccolto altre interviste e ha realizzato un servizio interessante sui siti militari contaminati e in parte sull’annosa vicenda della ex Saronio di Melegnano.

Da anni chiedo che si faccia chiarezza rispetto al sito militare di Riozzo, un tempo facente parte della fabbrica chimica Ing. Saronio. Nello stabilimento di Riozzo, nel periodo bellico, si producevano armi chimiche per l’industria militare, che furono impiegate dal regime fascista nella guerra coloniale d’Africa.

Da anni, con raccolta di firme, interrogazioni e interpellanze chiedo (nella foto, una manifestazione di un paio di anni fa di abitanti della zona nei pressi del sito) che le autorità sanitarie e ambientali della nostra regione entrino nel sito e dicano una volta per tutte se ci sono ambienti inquinati e da bonificare. Da anni chiedo che quell’area (circa 10 mila mq.), una volta bonificata, diventi area pubblica e che si realizzi un parco. Il parco della memoria e della pace.

Il servizio di Cristina Artoni contiene delle interviste interessanti, che mettono insieme il problema dell’area militare di Riozzo con l’inquinamento, molto più vasto, dell’ex Saronio di Melegnano. Tra gli intervistati, Edoardo Bai, ora responsabile scientifico di Legambiente e per anni dirigente dell’Asl di Melegnano, lo storico Angelo Del Boca e Fabrizio Gemetti, del Coordinamento nazionale dei Comitati per la bonifica dei siti militari. Questo il link per ascoltare il servizio radiofonico (4 minuti e 17 secondi).

http://www.funkhauseuropa.de/sendungen/radio_colonia/rc_il_tema/2013/04/130405_staatsgift.phtml

Lascia un commento

Required fields are marked *.