permalink

0

CITTA’ METROPOLITANA / Uno Statuto all’insegna della partecipazione. Serve innovare

Entra nel vivo il confronto sullo Statuto della Città Metropolitana. Oggi è iniziata la scrittura del capitolo legato alla partecipazione popolare. Quindi, si è iniziato a parlare di referendum e di strumenti di partecipazione. Personalmente sono per introdurre, oltre a quello consultivo previsto dalla bozza in esame, anche altri strumenti referendari. Ad esempio, il referendum propositivo, peraltro già contenuto nel testo di riforma del Titolo V della Costituzione varata l’8 agosto scorso. Infatti, in ambito costituzionale, oltre al più noto referendum abrogativo, è previsto il referendum propositivo. Una bella novità. Perché allora non scrivere nello statuto della Città metropolitana anche la possibilità di disporre di questo tipo di referendum? Più in generale, perché non pensare uno statuto del nuovo ente che si caratterizzi proprio per gli strumenti di partecipazione, compresi quelli referendari? Sono convinto che il profilo politico di uno statuto innovativo lo si ricavi anche a partire da questo importante elemento della partecipazione popolare. Nei prossimi giorni tratteremo anche gli altri strumenti della partecipazione alla vita amministrativa del nuovo ente.

Lascia un commento

Required fields are marked *.